Italian English French German Russian Spanish

CONDIVISION

"Poesìa"... col ëd
"... podej cissé la gent
con la fórsa dij valor…
sublimanda 'l sentiment
con la pas e con l'Amor...".

Poesìa, cola 'd Don Luigi Masoero, pèrfum d'Evangeli!...
Camillo Brero

 
(ëd Luigi Masoero)

Condivision
a l'é vive ansema
come le nòte d'una canson!

Leggi tutto

Stampa Email

UNIVERSITÀ DLE CRAVE

Curiosità

( Ecco uno scritto nella nostra parlata che spiega in poche parole il travaglio delle nostre genti. Scritto da un anonimo rivisto e corretto da Guglielmo Borda )


Quand as parla d’università, s’antend n’istitut d’ordin superior ch’a conferis a chi la frequenta un particolar tìtol giurìdich: “LA LAUREA” Sue radis an linea ‘d màssima a son ëd l’età ‘d mes e a j’ero sènter ëd sapiensa per afermé costa o cola dutrin-a filosofica.

Leggi tutto

Stampa Email

VIVA IJ SPUS

"POLDINO":
caricatura di giovane locale che ama rallegrare con le sue macchiette, poesie in dialetto, canzoni e racconti, le feste campagnole, matrimoni, feste per anziani, scuole materne, ecc...

(ëd  Puldin )

Bunasera e pà bundì ciau a tôi e varme sì pippiripippippipi,
lon chë ura mi vun lesive le na specie ëd poesia
faita aposta e dedicà a stu fijol e a custa fija.

Leggi tutto

Stampa Email

DIALOGO DI UN MIGRANTE

Edmondo De Amicis visitò il nostro luogo verso la fine del novecento, e salendo sul treno è testimone di un discorso fra l’Agronomo suo amico e un Bagnolese... (Il testo in Piemontese è stato tradotto dall'originale conservando la struttura da Viérm Bòrda)

…."Poco dopo arrivò di corsa un contadino, d'una cinquantina d'anni, secco, una faccia di uomo logorato dal lavoro, ma d'espressione risoluta; salì sul treno, diede un'occhiata alla famiglia, e poi venne ad appoggiarsi al parapetto esterno in faccia a noi. Il nostro agronomo lo riconobbe: era un contadino delle parti di Bagnolo, dove possedeva una piccola vigna e un piccolo prato, una casetta, e un po' di bosco.

Leggi tutto

Stampa Email

PODÈJ PITURÉ NA CUN-A

"Poesìa"... col ëd
"... podej cissé la gent
con la fórsa dij valor…
sublimanda 'l sentiment
con la pas e con l'Amor...".

Poesìa, cola 'd Don Luigi Masoero, pèrfum d'Evangeli!...
Camillo Brero

 
(ëd Luigi Masoero)

Podèj pituré na Cun-a
Fra tante occupassion,
mi i sugnava 'd fé 'l pitor:
fórse 'n «hobby», n'evasion
ch'am giutèissa 'l bon umor.

Leggi tutto

Stampa Email

MÉ DI 'D NÀSSITA

"Poesìa"... col ëd
"... podej cissé la gent
con la fórsa dij valor…
sublimanda 'l sentiment
con la pas e con l'Amor...".

Poesìa, cola 'd Don Luigi Masoero, pèrfum d'Evangeli!...
Camillo Brero

 
(ëd Luigi Masoero)

Tra le tante còse bele,
ch'a m'ha dàit mare natura,
con pì 'd grassia, Pare e Mare
a m'han fàit l'investitura.

Leggi tutto

Stampa Email

L'ARCHITET GIÖVO E SO PAPÀ

Il sacerdote Don Michele Ponza nacque a Cavour nel settembre 1772, morì il 18 novembre 1846.
 
( del Sac. Michele Ponza, Letterato, filologo, autore del noto dizionario Piemontese-Italiano, sono tratte queste favole in prosa. Grafia originale.)

Un cert architet a l'avia 'n fieul giövo, ël qual, avend dco amparà la profession d'so papa e fresch dë scola, a s'cherdia già d'esse 'l prim architet dl'Università.

Leggi tutto

Stampa Email

LA ROUL E LA PIANTA D'FROLE.

Il sacerdote Don Michele Ponza nacque a Cavour nel settembre 1772, morì il 18 novembre 1846.
( del Sac. Michele Ponza, Letterato, filologo, autore del noto dizionario Piemontese-Italiano, sono tratte queste favole in prosa. Grafia originale.)

Una grossa roul, ch'a l'avia dii branch carià d' feuje ch'a fasio n'ombra stupenda, piena d' chila istessa, vëdend an mes a l'erba una pianta d' frole, ch'a so confront a fasia fiasch, ai disia con un tön ministeriali:

Leggi tutto

Stampa Email

LA LEVR E 'L FUSIL

Il sacerdote Don Michele Ponza nacque a Cavour nel settembre 1772, morì il 18 novembre 1846.
( del Sac. Michele Ponza, Letterato, filologo, autore del noto dizionario Piemontese-Italiano, sono tratte queste favole in prosa. Grafia originale.)

dormefucile coniglioUn cassadör a s'era andurmisse s'un maciairon d' fen con la testa pogià s'una man, e lì dacant ai pè a l'avia so fusíl carià a quadërton.

Leggi tutto

Stampa Email

LA FAVOLA DËL LASSÉ CORE

(di Edoardo Calandra)

EDOARDO CALANDRA POETA PIEMONTESE
Del grande romanziere piemontese Edoardo Calandra (Torino 11 settembre 1852 ? 28 ottobre 1911) si sapeva che in anni lontani fu autore di una commedia in lingua piemontese, tre atti intitolati "Un cop sla testa", destinata all'esecuzione teatrale se fu sottoposta ala revisione di polizia (25 febbraio 1893, n. 536, revisore Muratorio), come risulta dal copione manoscritto esistente presso la Biblioteca Nazionale di Torino. Che poi la commedia sia stata rappresentata effettivamente non risulta;tutti invece ignorarono sempre che Edoardo Calandra abbia scritto versi in piemontese.
In assenza di date scritte è difficile stabilire in quale periodo della sua operosa esistenza siano stati scritti i versi, ma è probabile ch'essi abbiano di poco preceduto o seguíto "Un cop sla testa", che probabilmente fu scritta nel 1892.

 

Un gaí, un rossigneul, un canarín
N' coco, n' merlo, n' pavon son trovasse 
Ant un bosch pér asar a logiè vsín.

Leggi tutto

Stampa Email

LA BAGNA CAUDA DIJ PUVRUN

I l’hai girà, tuirà! L’hai fait passé
sinquantamila lìber e papé:
vivü dle smane ant le biblioteche,
lesü storie rumane, storie greche,
memorie, bergamine, cumentari,
volüm e manuscrit rüsià daj giari…
Dop un travaj parej
l’hai nen podü savej
chi ch’a füssa l’autur ed cula invensiun
ch’as ciama “bagna cauda dij puvrun”.

Leggi tutto

Stampa Email

'L BEC TÔRSÙ

(ëd  Alberto Viriglio: "rime piemônteise. 1904")

~Tut a l'è cônssumà, secônd le prôfessie~
Cristo, pendù a la crôs, a guarda mac pi 'l cel,
quand a sent côme un sôfi passè s'le man ferìe
e s'la palma sagnanta ved a vôlè n'ôsel
ch'a bat j'ale d'atôrn e's giuta 'd bech e 'd piota
prôvandse a gavè 'l fer ch'a lô ten li 'nciôdà;
ma sempre inutilment përchè (povra bestiola!)
j ciò 'd Pilat e 'd Caifa sôn trop, trop ben piantà.
Pura, as perd pa 'd côragi.

Leggi tutto

Stampa Email

MARETERA

(ëd Wièrm Bòrda)

Canta Bagneul la toa canson giojosa
mè bel pais vësti a festa,
la toa coron-a 'd montagne
a s'arvërdis ënt la prima,
novela sorzis ëd vita.

Leggi tutto

Stampa Email

FÈ GUERA CON LA PINTA

(Canzoni popolari Piemontesi raccolte da Marco Lessona)

Una Canzone politica venne pubblicata in un numero unico litografato, che ebbe pochissima tiratura e di cui oggi non rimane neppure la memoria. Era preceduta da una nota firmata da Marco Lessona che diceva:
 « Da alcuni accenni a fatti politici e militari e specialmente alla guerra fra la Russia e la Persia, sembra che questa canzone deve essere stata scritta fra il 1826 e il 1828: certo se questi limiti non sono assolutamente esatti, non possono essere errati di molto, in quanto che, nella canzone si accenna pure alla guerra per l’indipendenza della Grecia che finì nel 1830.
 « Sull'autore di questa canzone non ho alcun indizio. So da testimonianze di molti che essa fu popolare verso il 1830 e si mantenne poi viva nella memoria dei vecchi fino ai nostri giorni (circa 1910). Io stesso ne conoscevo alcune strofe per averle sentite recitare, prima di ottenere dalla gentilezza del mio amico Rodolfo Giani il testo intero, che pubblico ora credendo di fare cosa grata non solo a chi si occupa della storia della letteratura dialettale in Piemonte, ma anche a molti che troveranno in essa un ricordo dei tempi lontani della loro giovinezza ».


Ant Coni j'è n'oberge
Ch'as viv onestament,
Mangiand ëd gnòck a la bava,
Cantand alegrament.
Andoma tuti drínta
Fè guera con la pinta.

Leggi tutto

Stampa Email

La Comedia dla Vita

ALFONSO FERRERO nassù a Turin l'8 ëd gené dël 1873 e a l'é mòrt ël 9 dë dzèmber dël 1933, apress d'esse stàit des agn an manicòmi. Quella di Ferrero è in genere una poesia dolorosa. Cosí in «Na Lacrima», che è uno dei piú bei sonetti del nostro poeta, piú ancora che per la forma, per l'altezza dell'ispirazione, dove l'umano e l'universale si fondono in una simpatia dolorosa e profonda... Quanto di verità e di angoscia nell'ultimo verso! Proprio vero: ogni sonetto de «La Comedia dla Vita» è una di queste lacrime del cuore che tornano al cuore...

I sette sonetti de «La Comedia dla Vita» apparvero nel Buenos Aires, numero unico interamente redatto nel 1910 in Argentina da Alfonso Ferrero, e sono:

  1. Na lacrima
  2. Dio
  3. 'l fer
  4. l'òr
  5. l'amor
  6. la mort
  7. soris

Leggi tutto

Stampa Email

ËNCIARM

(ëd Wièrm Bòrda)

Sta sla brova d’ën bialòt
ën gòdo ij primi subi
dij merlo e dj’autri oslòt,
sento a canté ’l coco s’na rama
coma pendola alman-a,
i vëddo le pampinele fiorie
ëndoré le maire rive
e a fé baboja le violëtte
da’n mes a le noele ërbëtte.

Leggi tutto

Stampa Email

N'AN FÀ

(di  Dinò Fnoj,)

J’ero partì content a la ventura
E pian pianin, col tascapan a spala,
l’avio godù su e giù për mont e cala
lòn che ‘d pì bel i fussa ‘nt la natura.

Leggi tutto

Stampa Email

MËSURE PIEMONTEISE

Contenensa:
ën tin = l.1600-1300        ën butal = l.85-230
na brenta = l.40-58          ën butalin = l.37-43
na gavià = l.18-45            na sigela = l.10-15
ën sigilin = l.4-6              ën casül = l.0,5-1,2 
ën butiun = l.1,5-1,8       ën pintun = l.1,7-2,0
na buta = l.0,75-1,0         na mesa = cc.400-500
ën canun = cc.500-600   ën bicer = cc.150-280 
ën dil = cc.10 12              na gusa = cc.0,4 0,6
na stissa = cc.0,03 0,2

Leggi tutto

Stampa Email

«Marketing» për Piemontéis

Dissionari Piemontèis ëd «Marketing» e comunicassion d'Asienda për Piemontéis

Advertising

Reclàm

Basic Consumer

Bucalùn

Leggi tutto

Stampa Email